FRANCESCO RUTELLI

Cinema: Francesco Rutelli ricorda Giuliano Gemma in Piazza del Popolo

Ho aperto a Piazza del Popolo il ricordo civile di Giuliano Gemma, su richiesta di Baba Richerme, sua moglie: da Sindaco avevo celebrato le loro nozze. Hanno parlato anche Walter Veltroni e Nino Benvenuti davanti alle figlie Vera e Giuliana, a parenti e amici e tanti cittadini. Ho ricordato quando Giuliano volle donare un Maratoneta da lui scolpito agli organizzatori della Maratona di Roma, nel 1999: aveva negli occhi la gioia e l'orgoglio di un ragazzo.Ho ricordato - mentre risuonava la musica di Morricone di Una pistola per Ringo - che i cosiddetti 'spaghetti western' furono una grande pagina di cinema italiano, con Tessari, Corbucci, Valerii: non occorreva la riscoperta da parte di Tarantino per rivendicarlo. E la grande professionalità di Gemma, che recitò con i grandi del cinema con la stessa bravura e semplicità: Visconti, Zurlini ("La fortezza dei Tartari"), Comencini, Squitieri, Montaldo, Argento, Monicelli... Ancora, a dimostrazione di un equilibrio interiore che è stato alla base della sua lunga carriera, i grandi successi recenti nelle Fiction televisive. Ma i suoi successi non erano motivo di arroganza, come la sua bellezza non era motivo di superbia. Nell'opera del Maratoneta, di un artista-artigiano che adorava lo sport, c'era l'eredità di un padre e un nonno artigiani, e la volontà di fare le cose per bene, che l'ha accompagnato per tutta la vita. Era una persona perbene, Giuliano, che ha fatto sempre le cose per bene.

Torna indietro
Biografia
La mia vita, le mie origini, la politica
L'esperienza capitolina
da dicembre 1993 a gennaio 2001
Cultura
Ambiente
Europa
Fotogallery
Video
Interviste, riflessioni ed estratti
Contatti